MetaBlog

Rimani informato sui temi della formazione sulla consapevolezza informatica e attenua il rischio nella tua organizzazione.

Le minacce informatiche che tengono svegli i CISO di notte

Le minacce informatiche che tengono svegli i CISO di notte

sull'autore

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

La posizione del Chief Information Security Officer (CISO) non è affatto facile. 

Il panorama delle minacce in costante evoluzione, la trasformazione digitale e la conformità alle normative e ai requisiti più recenti possono rappresentare sfide significative per i CISO.

La pandemia del Coronavirus ha anche aumentato le preoccupazioni per la sicurezza informatica e ha creato una nuova serie di rischi che richiedono un'azione decisiva. Gli attori delle minacce sono stati veloci a capitalizzare l'epidemia di Covid-19, che ha portato a un massiccio picco di phishing, ransomware e attacchi informatici.

Se la Cyber Security non era una priorità prima della pandemia, lo è certamente ora, mentre le organizzazioni si affannano a garantire che i processi e le contromisure corrette siano in atto per difendersi dagli attacchi. Il ruolo del CISO non è mai stato così importante, quindi non sorprende che con questa responsabilità aggiuntiva arrivi qualche notte insonne!

Non c'è carenza di minacce che tengono svegli i CISO di notte, ma abbiamo elencato quattro delle preoccupazioni di sicurezza più pressanti.

Le principali preoccupazioni di sicurezza per i CISO

1. Forza lavoro distribuita

CISO - Forza lavoro distribuita

Quando l'epidemia di Covid-19 si è diffusa in tutto il mondo, milioni di dipendenti hanno dovuto fare la rapida transizione al lavoro da casa. Questo ha creato una serie di nuove sfide per la sicurezza e ha esposto molte vulnerabilità che i criminali informatici sono stati rapidi a sfruttare.

I processi aziendali che erano stati progettati per i confini sicuri dell'ufficio venivano ora condotti in ambienti domestici non protetti con pochi o nessun controllo di sicurezza. Mentre molte grandi organizzazioni erano in grado di dotare i dipendenti di computer portatili in dotazione all'azienda, una grande percentuale di lavoratori accedeva alle reti aziendali sensibili su dispositivi personali non protetti.

Questo ha fornito agli hacker un sacco di opportunità per infiltrarsi nelle reti aziendali e non hanno perso tempo a sfruttare la paura e l'incertezza che circonda la pandemia. I CISO hanno dovuto adattarsi rapidamente per garantire la continuità del business durante questo periodo di crisi.

Le politiche sono state rapidamente riviste per affrontare i nuovi rischi e sono stati implementati nuovi strumenti e tecnologie come MFA e VPN per proteggere l'accesso remoto. Adattarsi a questa "nuova normalità" non è stato affatto un processo facile e con la maggior parte della forza lavoro che lavora ancora da casa, i CISO sono sempre più sotto pressione per garantire che le organizzazioni mantengano i controlli di sicurezza più severi.

2. Ransomware

CISO - Ransomware

Dall'inizio della pandemia, c'è stata un'impennata globale degli attacchi ransomware. Solo negli ultimi tre mesi, c'è stato un aumento del 50% del numero di attacchi ransomware giornalieri rispetto alla prima metà dell'anno.

Il caos e lo sconvolgimento causati dall'epidemia hanno creato l'ambiente perfetto per questo tipo di attacchi. I criminali informatici sono stati veloci a sfruttare qualsiasi lacuna nella sicurezza, e le esche di phishing a tema Covid-19 si sono dimostrate un modo di grande successo per fornire link dannosi.

Nel marzo di quest'anno, Google ha registrato più di 18 milioni di malware ed e-mail di phishing sul suo servizio ogni giorno. Alcune delle esche ransomware più efficaci hanno incluso informazioni su vaccini, aggiornamenti critici, assistenza finanziaria durante il blocco, e download gratuiti per video e audio conferenze. Queste email di phishing accuratamente elaborate hanno permesso agli aggressori di infiltrarsi nelle reti, criptare i file e chiedere un riscatto alle organizzazioni.

Organizzazioni di tutte le dimensioni in ogni settore sono state prese di mira, ma le tre industrie che sono state colpite in modo particolarmente duro sono state i servizi professionali, la sanità e la tecnologia.

Per proteggere i dati e i sistemi critici, i CISO hanno dovuto rimanere vigili contro questo tipo di attacco e garantire che i sistemi operativi e le applicazioni siano aggiornati. Una maggiore enfasi è stata posta anche sulla formazione della consapevolezza della sicurezza, in quanto le organizzazioni riconoscono l'importanza di educare i dipendenti sulle minacce in evoluzione e di migliorare i comportamenti generali di sicurezza.

3. Violazioni dei dati

CISO - Violazione dei dati

Dopo mesi di lotta contro il fuoco, l'ultima cosa di cui ogni organizzazione ha bisogno ora è una violazione dei dati. Eppure la minaccia che ciò accada è molto reale. Dall'inizio dell'anno, ci sono stati ben 726 milioni di attacchi informatici, esponendo una cifra impressionante di 16 miliardi di record.

La ricaduta di una violazione dei dati può avere enormi conseguenze per un'azienda, tra cui un calo del prezzo delle azioni, perdita di clienti, sanzioni finanziarie e danni alla reputazione. Questa può essere la campana a morto per qualsiasi organizzazione che ha già passato gli ultimi nove mesi a lottare per rimanere stabile e operativa durante la crisi.

Questa preoccupazione si riflette in un recente rapporto condotto da Forcepoint. L'azienda ha intervistato 200 CISO e CEO di diversi settori per scoprire le loro priorità di sicurezza informatica e i piani per il futuro. Il 76% dei leader ha detto di essere preoccupato che la loro organizzazione diventi la prossima violazione di dati da prima pagina.

Per evitare che questo accada, i CISO dovranno sviluppare una strategia di sicurezza robusta e completa che protegga i dati sensibili, riduca le minacce e garantisca che la reputazione della loro organizzazione rimanga intatta.

4. Attacchi alla catena di approvvigionamento

CISO - Attacchi alla catena di approvvigionamento

I criminali informatici hanno spostato le loro strategie e piuttosto che prendere di mira un'azienda direttamente, cercheranno di infliggere danni sfruttando le vulnerabilità nella sua rete della catena di approvvigionamento.

La trasformazione digitale ha portato all'emergere di nuovi modelli di servizio e la rete di fornitura di un'azienda può essere composta da molti terzi diversi tra cui: produttori, fornitori, gestori e distributori.

Questo modello ha aperto molte lacune di sicurezza che sono state attivamente sfruttate durante la pandemia. La stratificazione di tecnologie vecchie e nuove, spesso da una varietà di fornitori con diversi gradi di sicurezza, ha permesso ai criminali informatici di compromettere centinaia di organizzazioni allo stesso tempo.

I CISO dovranno valutare il rischio che questi fornitori pongono e assicurarsi che stiano rispettando le norme di sicurezza informatica appropriate per ridurre qualsiasi rischio per la loro organizzazione.

Consapevolezza della sicurezza informatica per i manichini

potrebbe piacerti leggere questi