MetaBlog

Rimani informato sui temi della formazione sulla consapevolezza informatica e attenua il rischio nella tua organizzazione.

7 abitudini informatiche per le organizzazioni di medie dimensioni

7 cyber abitudini v2 0 intestazione principale

sull'autore

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook

Il crimine informatico sta diventando un problema importante per le organizzazioni di tutto il mondo. Solo nell'ultima settimana, ci sono state 5 grandi violazioni di dati che evidenziano la necessità di migliorare le pratiche di sicurezza informatica per difendersi da questa crescente minaccia.

Le organizzazioni di medie dimensioni sono sempre più sotto attacco e si stanno dimostrando un obiettivo molto attraente per i criminali informatici. In genere non hanno lo stesso grande budget o le stesse risorse destinate alla sicurezza informatica che hanno le organizzazioni più grandi, lasciandole vulnerabili agli attacchi.

Poiché il panorama delle minacce continua a cambiare ed evolversi, è vitale che le organizzazioni di medie dimensioni diventino più proattive nel loro approccio alla sicurezza informatica e adottino abitudini informatiche che aiutino a rafforzare e proteggere il loro business.

Per proteggersi da violazioni di dati, multe e danni alla reputazione, le organizzazioni di medie dimensioni dovranno investire il loro denaro nelle aree della loro attività che hanno più bisogno di essere salvaguardate.

7 cyber abitudini per migliorare la sicurezza informatica

Nonostante le sfide affrontate, ci sono 7 abitudini informatiche che aiuteranno a migliorare la sicurezza informatica nelle organizzazioni di queste dimensioni:

1. Whitelisting

Whitelisting

Il ransomware continua a dominare il panorama della cybersicurezza nel 2018 e con più di 4.000 attacchi che si verificano quotidianamente, rappresenta una minaccia molto pericolosa per le organizzazioni di tutto il mondo.

Nonostante una maggiore conoscenza pubblica di questo software maligno, i criminali informatici hanno affinato e messo a punto i loro ransomware per fondere vecchie varianti di codice informatico maligno, con nuovi virus, per renderli sempre più potenti e difficili da rilevare.

Per proteggersi da questa crescente minaccia, le organizzazioni dovrebbero considerare l'uso di tecnologie di whitelisting delle applicazioni. La whitelisting è usata per fermare l'installazione di malware e altri software non autorizzati che possono essere sfruttati dagli attaccanti.

La whitelisting è significativamente più efficace nel fermare le minacce malware rispetto al software antivirus tradizionale, in quanto permette solo la programmazione che è stata esplicitamente autorizzata ad essere eseguita. Piuttosto che bloccare le attività cattive e permettere tutte le altre, permette l'accesso solo a fonti sicure e fidate.

Questo è sempre più importante in quanto le minacce malware di oggi sono più mirate, rendendo le tecnologie di rilevamento tradizionali ampiamente inefficaci. La protezione aggiunta, la facilità d'uso e i costi aggiuntivi minimi associati a questa soluzione la rendono un'importante abitudine informatica da adottare per le organizzazioni di medie dimensioni.

2. Autenticazione a due fattori

Autenticazione a due fattori

Lepassword sono le chiavi che danno accesso ai dati di un'organizzazione. Sfortunatamente, non offrono la stessa protezione di una tradizionale serratura e chiave e possono essere facilmente violate. Gli hacker più sofisticati indovinano le password e usano software specializzati per testare migliaia di possibili combinazioni di username e password.

I dati sono uno dei beni più importanti che un'organizzazione detiene, quindi è fondamentale che possano dimostrare che stanno proteggendo questi dati e hanno sistemi in atto che manterranno le informazioni personali identificabili dei clienti al sicuro.

L'autenticazione a due fattori offre un ulteriore livello di difesa per proteggere la sicurezza di questi dati. Viene utilizzata per verificare l'identità di un utente quando accede a un'applicazione. Oltre alla password, l'autenticazione a due fattori richiede una seconda informazione per confermare l'identità dell'utente.

Questo fornisce ai dipendenti un ulteriore livello di sicurezza quando accedono alle informazioni sensibili dell'azienda e riduce la possibilità che un hacker sia in grado di ottenere un facile accesso alla rete.

3. Formazione di alta qualità sulla sicurezza per i dipendenti

Formazione sulla sicurezza informatica per i dipendenti

Il90% di tutti gli attacchi informatici di successo sono il risultato di informazioni fornite inconsapevolmente dai dipendenti. Mentre le reti diventano più difficili da violare, gli hacker prendono sempre più di mira il personale in quanto forniscono la via più semplice per entrare nella rete di un'organizzazione.

Non è mai stato così importante educare il personale e fornire una formazione regolare sulle minacce a cui dovrebbero prestare attenzione e su come possono fare la loro parte nel prevenire un attacco informatico. Una formazione efficace sulla consapevolezza della sicurezza è essenziale per formare i dipendenti a identificare e rispondere in modo appropriato alla crescente gamma di minacce alla sicurezza informatica.

Tutti i dipendenti, ad ogni livello dell'organizzazione, dovrebbero ricevere questa formazione per garantire che siano armati con le competenze necessarie per identificare un attacco. La formazione sulla consapevolezza della sicurezza informatica dovrebbe essere coinvolgente e informativa per garantire che i dipendenti capiscano cosa ci si aspetta da loro e l'importanza del loro ruolo nella salvaguardia dei dati sensibili dell'organizzazione.

4. Soluzione di back up fuori sede affidabile

Soluzione di back up offsite

Con gli attacchi contro le aziende quasi raddoppiati negli ultimi cinque anni, le organizzazioni non possono permettersi di essere compiacenti nel loro approccio alla sicurezza informatica. Le organizzazioni devono essere in grado di reagire rapidamente ed efficacemente a qualsiasi incidente di sicurezza che possa verificarsi.

Uno dei modi migliori per proteggere la vostra organizzazione e garantire che sia attrezzata per affrontare la crescente gamma di minacce alla sicurezza informatica è quello di utilizzare i servizi di un Security Operations Center (SOC) in outsourcing.

Un SOC è gestito da un team dedicato di professionisti della sicurezza che lavorano per monitorare le operazioni di sicurezza di un'organizzazione al fine di prevenire, rilevare e rispondere a qualsiasi potenziale minaccia. In genere tengono traccia delle minacce alla sicurezza, comprese le notifiche di potenziali minacce tramite strumenti, dipendenti, partner e fonti esterne. Il team di sicurezza indagherà poi sulle minacce e, se si ritiene che si tratti di un incidente di sicurezza, lo gestirà in modo rapido ed efficace.

Per le organizzazioni di medie dimensioni che non hanno necessariamente le risorse per un team di sicurezza interno, un SOC in outsourcing fornisce loro le competenze, l'esperienza e le tecnologie che possono proteggerle contro la crescente gamma di minacce alla sicurezza informatica.

5. Patch - Rendere il patching parte della vostra routine settimanale

Patching come parte della vostra routine settimanale

La gestione delle patch dovrebbe essere una parte fondamentale della strategia di sicurezza informatica per qualsiasi organizzazione. Il 'Patching' affronta le vulnerabilità del software che i criminali informatici sfruttano per entrare nei sistemi per rubare dati sensibili, bloccare gli utenti o chiedere un riscatto.

Il software non patchato è una delle cause principali dei computer che vengono violati. Nuove vulnerabilità sono costantemente scoperte, sia dagli hacker che dai professionisti della sicurezza, e le aziende rilasciano patch (essenzialmente un pezzo di codice) per far fronte a questo. Se le patch non vengono applicate, ciò fornisce ai criminali informatici un facile punto di accesso alla vostra rete.

Il patching garantirà che ogni pezzo di software utilizzato all'interno di un'organizzazione sia aggiornato con le versioni più recenti rilasciate dal produttore. Le organizzazioni dovranno essere proattive nel loro approccio alle patch per assicurarsi di essere in grado di rilevare qualsiasi vulnerabilità prima che lo faccia un hacker.

6. Dirigenti senior responsabili della governance delle informazioni

Governo delle informazioni

Per garantire che le organizzazioni siano protette e sicure, sarà importante nominare un comitato direttivo di personale senior che avrà la responsabilità finale della governance della strategia di sicurezza informatica dell'organizzazione.

Le organizzazioni non possono contare solo sul loro dipartimento IT per assumersi la responsabilità della sicurezza informatica. Deve filtrare dall'alto verso il basso con il senior management che prende il controllo e mette in atto le misure adeguate che proteggeranno l'organizzazione e le sue risorse.

La ricerca del Cyber security breaches survey 2017 ha rilevato che le organizzazioni, in cui il senior management tratta la sicurezza informatica come un'alta priorità, hanno più probabilità della media di dire che il loro personale principale la prende sul serio (88%, contro il 76% complessivo).

Questo suggerisce che la cultura impostata dai senior manager filtra in tutta l'organizzazione, evidenziando l'importanza dell'impegno dei senior manager nella sicurezza informatica.

7. Identificare le risorse informative e le attività di elaborazione dei dati

Patrimonio informativo e attività di trattamento dei dati

Per sviluppare una strategia completa di sicurezza informatica e identificare efficacemente i rischi, le organizzazioni dovranno completare un audit approfondito delle loro risorse informative e delle attività di elaborazione dei dati.

Dovranno determinare quali sono le loro risorse informative più preziose, dove si trovano queste risorse e chi vi ha accesso. Questo è fondamentale per identificare i rischi che le minacce informatiche pongono e dare priorità alle aree che devono essere difese.

Le organizzazioni dovranno anche valutare i loro attuali processi di gestione dei dati e determinare se è necessario apportare dei cambiamenti. Dovranno esaminare il tipo di dati personali conservati, dove sono conservati, da dove provengono, la durata di conservazione, il loro uso, i diritti di accesso e come vengono condivisi. Audit regolari delle attività di trattamento dei dati aiuteranno a salvaguardare i dati e a ridurre il rischio organizzativo.

Se volete saperne di più sulle migliori abitudini di sicurezza informatica per le organizzazioni di medie dimensioni, allora sintonizzatevi sul nostro webinar il 9 agosto alle 15:00. Robert O'Brien, CEO di MetaCompliance discuterà l'importanza di adottare abitudini di sicurezza informatica che proteggeranno e rafforzeranno la vostra organizzazione.

Per assicurarti il tuo posto al webinar intitolato "7 Cyber abitudini per le organizzazioni di medie dimensioni", clicca qui

potrebbe piacerti leggere questi